TIGER È UNA INDISPENSABILE MACCHINA PER IL RICICLO.

 

1) DEPACKAGING
Tiger Depack nasce come macchina per il deconfezionamento. Viene quindi inserita nei flussi di produzione al fine di separare l’imballo dal contenuto sia esso un elemento organico o un detersivo, potendo quindi ottenere due frazioni di materiale pulito, riutilizzabili.

2) OMOGENEIZZAZIONE
La tecnologia Tiger Depack permette l’omogeneizzazione del materiale organico da avviare a Digestione anaerobica garantendo la rimozione di tutte le plastiche presenti.

3) RICICLO FORSU (Rifiuto Organico da Raccolta Differenziata)
Tiger Depack è utilizzata per riciclo della FORSU all’interno degli impianti di trattamento del rifiuto organico, al fine di pulire le plastiche in uscita dalle fasi di pretrattamento

4) LAVORAZIONE PULPER DA CARTIERA
Grazie alla sua versatilità viene in seguito adoperata anche per la lavorazione del Pulper da cartiera, ottenendo risultati di risparmio sul materiale da mandare a discarica o incenerimento e una qualità sorprendente della pasta di carta recuperata.

 

TIGER 190923 01
Tiger nasce da un’azienda specializzata nelle soluzioni ambientali: la Cesaro Mac Import, una realtà sempre all'avanguardia nel proporre soluzioni tecnologiche avanzate sia nei macchinari che negli Impianti integrati per il trattamento dei rifiuti.
https://www.cesaromacimport.com

 

TIGER È UNA MACCHINA PER IL DEPACKAGING

IL DEPACKAGING (deconfezionamento), è l’esigenza di recuperare l’imballaggio ed il contenuto.

Gli imballaggi di cibi scaduti o le confezioni difettose di sostanze come detersivi o prodotti comuni, vengono inseriti nella macchina e divisi, ottenendo due elementi perfettamente riutilizzabili.

La macchina, attraverso questa divisione, permette ai materiali l’inserimento in nuovi cicli a loro dedicati. Contenuto e contenitore percorrono due nuove strade, verso un possibile riutilizzo.
Questo trattamento consente un totale riciclo dei materiali, senza produrre nessun tipo di rifiuto. NO WASTE

Le produzioni industriali generano scarti per controlli di qualità: ad esempio etichette storte sugli imballaggi, test a campione su partite di prodotto.

Sono applicazioni dove trova utilizzo il modello più piccolo di Tiger Depack, la Tiger HS5, in quanto questo viene inserito nelle catene di produzione già operative.

In queste situazioni viene garantita un’ottima ed efficiente lavorazione e la macchina è già attiva in impianti che producono pet food, aziende di gelati o aziende che producono detersivi.

 

TIGER DEPACK PER IL RICICLO DELLA PLASTICA

Il riciclaggio della plastica è un settore specifico che richiama l’attenzione e la partecipazione di tutti.

Lo smaltimento ed il recupero della plastica è un tema attualissimo e la sensibilizzazione all’argomento sta educando le persone a nuove abitudini con una particolare attenzione alla separazione dei rifiuti e al riuso di contenitori di plastica.

Nell’industria per il riciclaggio della plastica vengono effettuate un insieme di operazioni che vengono svolte sui rifiuti costituiti da plastica per ottenere nuovo materiale da rimettere nei processi produttivi.

TIGER DEPACK è una macchina che lavora le plastiche che contengono prodotti scaduti e contenitori in plastica difettati o rovinati.

Il procedimento TIGER DEPACK è meccanico e divide il contenitore dal contenuto, permettendo a entrambi i materiali di venire recuperati e riutilizzati.

 

TIGER 190923 02

La sostanza liquida tornerà ad un nuovo imbottigliamento, mentre dalla plastica si otterranno scaglie che verranno utilizzate per la produzione di nuovi oggetti.

Il riciclo si presta particolarmente alle materie plastiche degli imballaggi.
I polimeri che permettono i migliori risultati in termini di recupero sono: PET, PVC, PE.

Nel caso si suddividano i diversi tipi in modo omogeneo, si ottiene materia prima secondaria, quindi materia con caratteristiche tecniche e chimiche del riciclato molto simili a quelle iniziali.

Con il PET riciclato si ottengono nuovi contenitori non alimentari con l'eccezione di contenitori per acque minerali e bevande analcoliche, fibre per imbottiture, maglioni, "pile", moquette, interni per auto, lastre per imballaggi vari;
Con il PVC riciclato, vengono riprodotti tubi, scarichi per l'acqua piovana, raccordi, passacavi, prodotti per il settore edile;
Con il PE riciclato tornano a nuova vita contenitori per detergenti, tappi, film per i sacchi della spazzatura, pellicole per imballaggi, casalinghi.

 

TIGER 190923 03

 

Nel caso di trattamento di diversi tipi di plastica insieme, si ottiene plastica riciclata eterogenea, impiegata ad esempio per produzione di panchine, parchi giochi, recinzioni, arredi per la città, cartellonistica stradale.

Tiger Depack porta il suo contributo attraverso un sistema semplice di riciclaggio plastica, con ottimi risultati e riconoscimenti gratificanti.

 

 

DAL RICICLO DELLA PLASTICA, AL RICICLO DELL’ALLUMINIO

Riciclare alluminio fa bene all'ambiente e all'economia, e in questo l'Italia è bravissima: è prima in Europa e terza nel mondo per capacità di recupero di questo metallo che diventa poi automobili, caffettiere, occhiali, biciclette...

Come per la plastica, TIGER DEPACK è una macchina che lavora l’alluminio che contiene prodotti scaduti oppure su contenitori difettati o rovinati.

 

 

L'alluminio è un materiale che si presta a moltissime applicazioni e possibilità di riutilizzo, grazie alle sue proprietà come leggerezza, durata, lavorabilità, versatilità.

 

TIGER 190923 04

 

SEPARARE L’ORGANICO DALLA PLASTICA? CON TIGER È FACILE.

L’industria del riciclaggio richiede macchine con una struttura semplice, di dimensioni contenute, che siano efficienti nel trattare le matrici in ingresso, che risparmino tempo e risorse.

Le strutture che utilizzano Tiger Depack lavorano per il recupero e lo smaltimento della frazione organica proveniente dalla raccolta differenziata finalizzate alla produzione di biometano mediante la stabilizzazione biologica di scarti o frazioni organiche.

Tiger Depack trova impiego negli impianti di trattamento del Rifiuto Organico da Raccolta Differenziata (FORSU) in cui è presente una grande quantità di plastiche (principalmente sacchetti di plastica).

 

TIGER 190923 05

 

Questi impianti, grazie a Tiger Depack, riescono a recuperare gran parte dell’organico e a pulire le plastiche che altrimenti andrebbero smaltite con un costo sempre più elevato per l’azienda.

 

TIGER 190923 06

 

Tiger Depack da il meglio delle sue prestazioni recuperando il 100% dell'organico intrappolato ancora nelle plastiche.

 

 

Dall’esperienza maturata in impianto, abbiamo rilevato che da un peso del 27% di plastiche inviate a smaltimento con l’utilizzo di Tiger Depack si manda allo smaltimento solo il 7%. Inoltre l’organico ricavato può es- sere reinserito nel ciclo di produzione di biogas e compost.
Tiger Depack è stata costruita per essere una macchina per riciclo dalle ridotte dimensioni, con un sistema di lavorazione semplice e veloce, dai costi di gestione per tonnellata decisamente contenuti.

 

 

La speciale tecnologia garantisce inoltre l’omogeneizzazione del materiale riducendone la pezzatura per renderlo adatto a tutte le applicazioni: dalla digestione anaerobica a umido, fino al compostaggio.

Elemento decisivo per un efficiente trattamento della matrice organica è riuscire a non sprecarne nemmeno un grammo riducendo al minimo il materiale di scarto!
Il sistema Tiger Depack è studiato per ottener plastiche pulite e materiale organico pronto per la digestione anaerobica!

 

TIGER 190923 07

 

RICICLARE LA CARTA CON TIGER DEPACK PAPER PULP SOLUTION

Dall’esperienza di utilizzo di Tiger Depack nella separazione dell’organico dalle confezioni, e grazie all’estrema versatilità di questo sistema, si è pensato di utilizzarlo per trattare materiali sempre differenti.

Cesaro MAC Import ha voluto fortemente la creazione di una gamma prodotti completa, che si adatti alle esigenze di trattamento di ogni impianto dal più piccolo al più grande, con inoltre la possibilità di allestimenti specifici per il trattamento del Pulper da Cartiera e dei Sovvalli.

Tiger Depack - Paper Pulp Solution è un sistema semplice e veloce, dalle ridotte dimensioni e dai costi di gestione contenuti, che ottiene ottimi risultati nell’industria del riciclo della carta.

 

TIGER 190902 01

 

Tiger Depack - Paper Pulp Solution

 

 

La carta riciclata è materia prima fondamentale per la rigenerazione di nuova car- ta. In Europa e nel mondo, i tassi di utilizzo sono molto alti grazie alle milioni di tonnellate rese disponibili attraverso la raccolta differenziata dei rifiuti.

Nel processo di produzione della nuova carta, la materia prima secondaria viene disciolta in acqua per separare gli inchiostri e altri componenti (ad esempio le plastiche) dalla polpa di carta, questi fino ad oggi sono stati successivamente gestiti come rifiuti (PULPER) con altissimi costi di smaltimento e con perdite economiche rilevanti di materia prima ancora aggregata al rifiuto Pulper.

La presenza di percentuali di cellulosa in quantità più o meno rilevanti all’interno del rifiuto Pulper ha spesso reso molto complicato lo smaltimento dello stesso in discarica o in incenerimento; ridurne il volume tramite presse ne ha ridotto il peso, ma non ha risolto la presenza di materiale organico che tra l’altro è fonte di un utile per la cartiera attualmente sprecato.

Per risolvere questo problema, Cesaro Mac Import, ha sviluppato la Tiger Depack HS20 PPS e Tiger Depack HS5 PPS

Il sistema Tiger Depack PPS Paper Pulp Solution è stato pensato ed adattato alla produzione della carta con risultati assolutamente rilevanti.

“Paper Pulp Solution" un macchinario che sfruttando un sistema brevettato di separazione centrifuga riesce a ridurre la quantità di materiale di scarto e a recuperare la totalità della pasta di carta ancora presente nel Pulper.

La macchina è stata progettata e brevettata per essere utilizzata in cartiere di me-
die dimensioni che utilizzano principalmente nella loro produzione carta riciclata quindi con alte produzioni di rifiuto Pulper da gestire.

 

TIGER 190902 02

 

La Tiger HS20 PPS e la Tiger HS5 PPS sono in grado di recuperare fino al 70 % in peso del materiale riutilizzabile composto da acqua e POLPA DI CARTA, inoltre Tiger Depack riduce al solo 30% del peso in ingresso il materiale da indirizzare a discarica.

All’interno di un ciclo produttivo di una cartiera di medie dimensioni l’utilizzo della Tiger Depack PPS consente quindi di ridurre drasticamente i costi di smaltimento e di recuperare materia prima il tutto con un unico macchinario.

È un macchinario all in one e grazie alle ridotte dimensioni (solo 21metri quadri di superficie occupati) non necessita di predisposizioni specifiche prima di essere installato ma solo gli allacci di acqua e energia elettrica.

 

TIGER 190902 03

TIGER 190902 04

 

Può essere inserito sia in ambienti interni che esterni, la macchina è progettata per funzionare sia in ciclo manuale che in automatico con produttività H24.
La macchina può essere alimentata tramite sistemi automatici di carroponti o tramite pale gommate, è dotata dei più sofisticati sistemi di sicurezza e di controllo anche da remoto.
La "Tiger Depack HS20 - Paper Pulp Solution" grazie i bassissimi costi di gestione e alla capacità lavorativa 24/24 è uno strumento efficiente ed efficace da inserire all’interno del ciclo produttivo della carta infatti con l’utilizzo della Tiger HS20 PPS Tiger HS5 PPS la moderna cartiera potrà concretamente vantare un ciclo produttivo all’avanguardia, attento alla corretta gestione delle risorse preziose come l’acqua e la cellulosa con un ritorno dell’investimento brevissimo, diminuendo drasticamente la propria dipendenza da impianti di smaltimento rifiuti avendo un ulteriore ritorno in termini di recupero della materia prima.

 

TIGER 190902 07

TIGER 190902 08

TIGER 190902 05

TIGER 190902 06

 

UNA MACCHINA PER IL RICICLO IN DIVERSI SETTORI

Come abbiamo visto Tiger Depack può essere utilizzata nell’industria del riciclo con svariati utilizzi, ottenendo dei benefici sia economici che ambientali.

Riassumendo, il sistema Tiger Depack, può trovare applicazione in diversi settori:

  • Negli impianti di digestione anaerobica per la preparazione del substrato da avviare al digestore;
  • Negli impianti di compostaggio per la preparazione dell’umido da miscelare col materiale verde;
  • Nelle stazioni di ricevimento e travaso dei rifiuti organici per effettuare un trattamento preliminare della matrice;
  • Negli impianti di recupero e lavorazione dei cibi confezionati scaduti;
  • In tutti gli impianti di trattamento dei rifiuti per la pulizia dei sovvalli;
  • Nell’industria alimentare per il recupero degli scarti di produzione;
  • Nelle industrie di imbottigliamento per la riduzione degli scarti di processo da inviare in discarica.

 

SEGUICI SUI SOCIAL!